skip to Main Content
La Minaccia Alla Democrazia In Europa

La minaccia alla democrazia in Europa

Dal Baldacchino di preghiera (edizione 88)

In tutto il mondo, la democrazia parlamentare è stata sempre più a rischio da circa dieci anni.

Cos’è la democrazia?

Nel corso di un lungo processo di vari secoli, la forma di stato di “democrazia parlamentare” si è sviluppata politicamente nei paesi d’Europa. La sua essenza è ciò che chiamiamo “la separazione dei poteri”. Al contrario della forma di governo in cui tutti i poteri provengono da un solo posto (monarco, dittatore), la democrazia stabilisce che il potere dello stato deve sempre essere diviso in tre: tra un parlamento eletto liberamente che scrive le leggi, il governo che implementa le leggi e la corte suprema che vigila sul lavoro di entrambi, assicurando quindi i diritti civili. Il governo, o il suo capo, è eletto da un parlamento con una maggioranza di oltre 50%. Per vincere la maggioranza, è spesso necessario collegare due o più partiti (coalizioni). Si mettono d’accordo su un programma che vogliono implementare. Ovviamente, ogni partito cerca di portare un massimo delle idee che hanno promesso agli elettori, nel “programma del governo”. Questo richiede tuttavia una cosa: il compromesso. Senza compromesso, cioè la riconciliazione degli interessi, nessuna democrazia può vivere. Ciò rende ogni elettore arrabbiato. L’alternativa è l’eliminazione delle altre opinioni, la persecuzione o la dittatura. Tanti elettori oggi hanno dimenticato o non hanno mai sperimentato cose come il regime nazista o la dittatura comunista, e quindi, vanno dai partiti di protesta che concordano sempre d’accordo. La protesta contro “chi è in alto” è il messaggio di base di tutti i populisti.

Tuttavia, più i partiti di protesta si rafforzano, più diventa difficile guadagnare una maggioranza di oltre 50% per la formazione del governo. Più ci sarà bisogno di partiti per una coalizione, più ci saranno elettori vanificati e più velocemente i partiti di protesta cresceranno.

Dove siamo?

In questo momento, siamo su una china critica per la democrazia in Europa, la quale è molto pericolosa perché dal momento in cui i populisti sono al potere, cioè in un governo con oltre il 50% al parlamento, iniziano a pregiudicare immediatamente la democrazia, ad esempio l’indipendenza del potere giudiziario (Polonia, Ungheria, Italia sotto Berlusconi e Salvini, Trump negli Stati Uniti).

Purtroppo, questi esempi mostrano che la democrazia si auto-abolisce attraverso le sue regole. Hitler fu eletto democraticamente. La battaglia in Europa attualmente non è più tra partiti di “sinistra” o di “destra”, ma tra la preservazione della democrazia o “l’abolizione del sistema”.

Cosa impariamo da questo?

  1. Non unirvi ad una manifestazione o un partito con un No fondamentale ad un equilibrio chiaro dei poteri!
  2. Trovate se in un partito, delle soluzioni concepibili ai problemi sono proposte o se le paure sono alimentate e la rabbia contro “il sistema” è emozionalmente alimentata.
  3. Verificate nello spirito/nella preghiera il carisma dei dirigenti e i risultati del loro lavoro: vanità? Ipocrisia? Dominio? Confusione e caos? Odio? Impurità? Menzogne (“notizie fasulli”)? Paure? O umiltà, trasparenza, spirito di squadra, chiarezza, rispetto per le altre opinioni, purezza sessuale, fatti verificabili, sicurezza affidabile. Prendete il tempo di leggere Galati 5:16-26 e traete le vostre conclusioni politiche. 

Preghiera

  • Date grazie per la democrazia come forma di governo
  • Date grazie e pregate per il nostro governo
  • Benedizioni, specialmente per i politici individuali

Ortwin Schweitzer

Unione europea di preghiera

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top