skip to Main Content
Solidarietà Con La Chiesa Perseguitata

Solidarietà con la chiesa perseguitata

Dal Baldacchino di preghiera

Cari amici pregando in Europa

Gesù dice: “Beati voi, quando vi insulteranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno contro di voi ogni sorta di male per causa mia. Rallegratevi e giubilate, perché il vostro premio è grande nei cieli; poiché così hanno perseguitato i profeti che sono stati prima di voi.” (Matt. 5:11-12) Sin dai giorni della chiesa primitiva, i discepoli di Gesù hanno fronteggiato la persecuzione. Eppure, possiamo essere sempre fiduciosi che una ricompensa verrà a chi rimarrà fermo fino in fondo. Tuttavia, ci piacerebbe pensare che in tali momenti, altre persone ci sostengono, specialmente quando le nostre vite e la nostra sudditanza sono in pericolo. Tuttavia, qual è stata la risposta delle nazioni occidentali di fronte ai casi di persecuzioni dei Cristiani? E come possiamo giocare un ruolo incoraggiando i nostri governi (spesso secolari) ad affrontare questi problemi?

Ian Jeal

Solidarietà con la chiesa perseguitata

Il politico cristiano britannico Jeremy Hunt ha letto il libro del Fratello Andrea ‘Il contrabbandiere di Dio’ nella sua gioventù. Questo gli diede un soggetto di preghiera in continuo per la chiesa perseguitata. Quindi, quando fu nominato ministro degli Affari esteri nel luglio 2018, era naturale per lui informarsi su quel che i servizi britannici degli affari esteri facevano per aiutare i cristiani perseguitati nel mondo intero. Ciò che scoprì lo rese scomodo. Ci furono interventi di grande visibilità per sostenere le cause disperate dei musulmani Rohingya nel Myanmar (Birmania), della comunità Bahai in Yemen, dei Yazidi in Iraq, ecc., ma sembrava che esisteva un divario notevole con l’assistenza diplomatica britannica quando si trattava della sofferenza dei cristiani. La pressione è cresciuta da tempo, dal gruppo parlamentare multipartito britannico sulla libertà di religione e di fede, e certe ONG e chiese che hanno lottato affinché il governo britannico ne faccia di più per sostenere i cristiani perseguitati.

Questa pressione culminò intorno al caso di Asia Bibi, imprigionata per l’accusa capitale di blasfemo in Pakistan. I suoi sostenitori e i suoi avvocati sapevano che anche se fosse assolta secondo il sistema legale ufficiale in Pakistan, una legge ufficiosa sotto forma di giustizia popolare l’avrebbe perseguita lo stesso, e hanno quindi fatto pressione affinché un governo occidentale sia pronto a riceverla e darla l’asilo. Questa richiesta fu trasmessa al più alto livello, al 10 Downing Street, ma fu incontrata con un rifiuto categorico. La Gran Bretagna non offrirebbe l’asilo ad Asia Bibi.

La risposta di Jeremy Hunt fu di chiedere un’inchiesta indipendente sul sostegno britannico ai cristiani perseguitati, che doveva essere diretta dal vescovo di Truro, in precedenza direttore del CMS, la più grande società missionaria anglicana, che gli diede una conoscenza e delle connessioni mondiali. Un esercizio in due parti fu proposto: (1) radunare prove sull’ampiezza del problema, e (2) accertare la risposta del Regno Unito e di altri governi e proporre delle raccomandazioni per il miglioramento.

Nel suo discorso del 26 dicembre 2018 annunciando l’inchiesta, Jeremy identificò un numero di cause possibili per le mancanze rispetto ai cristiani perseguitati che la sua squadra sembrava aver sviluppato: imbarazzo di portare Dio in politica, colpevolezza postcoloniale, paura di essere considerati come imponendo la nostra fede maggioritaria ad altri. Riassunse queste cause in “politicamente corretto malavvisato”, ciò che desiderava che la sua inchiesta indipendente affrontasse.

La squadra nominata dal vescovo di Truro, che ho avuto l’onore di servire, ha iniziato a lavorare il 30 gennaio 2019, e ha prodotto un rapporto intermedio con le conclusioni sulla natura e l’ampiezza del problema mondiale della persecuzione nel aprile 2019 e il suo rapporto finale con 21 raccomandazioni nel luglio 2019. I due documenti sono disponibili su https://christianpersecutionreview.org.uk. Queste raccomandazioni furono pienamente accettate da Jeremy Hunt e sono state approvate dal nuovo Primo ministro britannico, Boris Johnson, che ha iniziato ad implementarle quasi subito dopo essere entrato in carica, nominando un nuovo inviato speciale per la libertà della religione o della fede per dirigere il processo.

David Fieldsend

Punti di preghiera

  • Grazie Signore per le azioni prese dal Regno Unito, e da tanti paesi cosiccome dall’Unione Europea e dalle Nazioni Unite, per nominare degli inviati speciale per la libertà di religione e di fede, e preghiamo affinché più nazioni seguano.
  • Preghiamo affinché i governi abbiano il coraggio di agire in base alle loro conclusioni per offrire un sostegno reale ai cristiani perseguitati.
  • Preghiamo affinché le ONG cristiane cerchino di mantenere la questione della persecuzione dei cristiani presso i nostri responsabili e i nostri governi.

Aggiornamento Brexit

Il 31 gennaio è passato e il Regno Unito ha lasciato l’Unione Europea. Tuttavia, questa è solo una parte della storia. Le prossime settimane vedranno l’inizio delle discussioni ben più difficili sul commercio. Già sono state stabilite le linee di battaglia per questo aspetto più difficile del processo. Quindi, come possiamo, da corpo di Cristo, sostenere i nostri responsabili politici durante il resto di questo periodo di transizione, fino alla fine dell’anno? Di certo, non si tratta più di “lasciare” o di “rimanere” ma “Signore, venga il Tuo Regno e a te sia la gloria.”

Punti di preghiera supplementari:

  1. Preghiamo affinché il coronavirus non si diffonde di più nel mondo intero (pandemia) e preghiamo per la guarigione delle persone già contagiate.
  2. Preghiamo per il governo greco mentre cerca di trovare delle nuove soluzioni per provvedere delle condizioni sanitarie migliore ai migliaia di migranti arrivati nei campi lì.
Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top