skip to Main Content
Un Viaggio Europeo #52 – Sebastopoli (Ucraina)

Un Viaggio europeo #52 – Sebastopoli (Ucraina)

Oggigiorno, l’evangelizzazione è spesso capita come predicare il vangelo ai non credenti. Ma questa comprensione è un po’ limitata perché manca di prospettiva di società. È possibile che una nazione cristiana evangelizzi una nazione non cristiana?

In effetti, nell’Antico Testamento, scopriamo che questo era l’obiettivo di Dio per Israele, cioè attrarre altre nazioni a Lui. E nella storia europea, delle nazioni cristiane sembrano aver attratto altre nazioni a Dio. Per scoprire un esempio di questo, visiteremo Sebastopoli in Crimea. Questa città col clima mediterraneo è situata sul mar Nero.

Sebastopoli fu fondata nel 1783 quando l’Impero russo controllava la regione. La città fu costruita sulle rovine d’una città ben più antica chiamata Cherson. Fu fondata da colonia greca nel 6° secolo a.C. e durò per duemila anni, fino alle invasioni delle Orde d’Oro, o Tatari, nel duecento e nel trecento. Oggi, possiamo vedere nella città tante rovine del periodo greco.

Un fatto abbastanza curioso a Sebastopoli è che ci sono due cattedrali dedicate a San Vladimiro. Una di quelle si trova nella nuova parte della città e l’altra nell’antica. Per questa ragione, quest’ultima è anche chiamata Cattedrale di Cherson, che visiteremo oggi.

Quindi, chi era Vladimiro, e perché era una persona importante nella storia?

Vladimiro era un principe di Kiev del 10° secolo che fu battezzato nella fede cristiana a Cherson. E il luogo esatto del suo battesimo fu molto probabilmente laddove la Cattedrale di Cherson si trova oggi.

Ma prima di parlare di Vladimiro, diamo un’occhiata su quel che è successo nel secolo tra lui ed Askold e Dir (tappa 51).

L’assassino dei due principi, Oleg, diventò principe di Kiev. Dopo la sua morte, suo fratello Igor 1° prese il suo posto. Anche se nessuno di loro era cristiano, il Cristianesimo non era mai del tutto sparito dalla principalità. La moglie di Igor, Olga, era cristiana come lo abbiamo scoperto in un episodio precedente (tappa 15).

Quando il figlio pagano di Olga, Sviatoslav 1°, era principe, Olga divento reggente della principalità perché suo figlio era coinvolto in campagne militari. Educò anche i suoi nipoti, uno dei quali era Vladimiro, e li istruì nella fede cristiana. Olga morì nel 969 e Vladimiro diventò principe di Kiev qualche anno dopo la sua morte. Tuttavia, Vladimiro non era ancora cristiano e esitava ancora sulla scelta della religione che converrebbe al meglio per la sua principalità.

Varie tappe furono necessarie per la conversione di Vladimiro. La prima tappa fu, ovviamente la sua educazione attraverso la sua nonna cristiana Olga.

La seconda tappa fu un processo di paragone delle religioni delle nazioni circondando la sua principalità. Da principe, incontrò degli ambasciatori dalla Bulgaria del Volga, una nazione musulmana vicina ad est. Incontrò anche degli Ebrei cazari, dei Cristiani cattolici di Germania e un erudito greco ortodosso chiamato Costantino. Quest’uomo era un maestro in quel che viene chiamato oggi l’apologetica. Svelò le menzogne delle altre religioni, parlò della redenzione dell’umanità nel sangue di Cristo e della giustizia nella vita che viene. L’esposizione di Costantino sembrava essere convincente per Vladimiro.

Tuttavia, Vladimiro non aveva ancora adottato la fede cristiana in pieno. Per questo, ci volle ancora una terza tappa. Andò in una campagna militare in terre greche, qualcosa che sembra essere stato comune fra i monarchi di Kiev sin da Askold e Dir. Il suo primo obiettivo era invadere Cherson, dove siamo oggi.

Vladimiro promise d’adottare il Cristianesimo se entrasse in possesso della città, ciò che riuscì. Poi, nelle negoziazioni con l’Imperatore greco, chiese la mano della sorella dell’Imperatore, Anna. E per il bene del suo paese, lei accettò. Vladimiro fu quindi battezzato, e in conseguenza alla sua conversione, restituì la città all’Impero bizantino.

Ma perché questa storia è un esempio d’una nazione evangelizzando un’altra?

Questo mi porta all’ultima tappa della conversione di Vladimiro. Nei suoi scritti, scopriamo una delle ragioni che lo convinse ad adottare il Cristianesimo. Scrisse: “Avevo esaminato a lungo e sviluppato un amore per il diritto greco.”

Il diritto greco di cui Vladimiro parla era il Codex Justinianus, un codice di diritto che fu elaborato nell’Impero bizantino sotto l’Imperatore Giustiniano il Grande, nel 6° secolo. Questo codice di diritto fu costruito in base al Dio del Cristianesimo e cercava a rispecchiare l’etica cristiana. Questo portò una trasformazione profonda nell’Impero bizantino e il Codice Giustiniano è stato alla base del diritto nel mondo occidentale fino ad oggi.

Vladimiro aveva capito che il Codice Giustiniano aveva reso l’Impero bizantino superiore alle altre nazioni che conosceva. Attraverso la testimonianza dell’Impero bizantino, aveva capito che il Dio del Cristianesimo era l’unico vero Dio e che qualsiasi nazione che si radicherebbe in Lui diventerebbe una grande nazione.

Vladimiro era venuto a Cherson per uccidere, rubare e distruggere. Ma se ne andò con la grazia e la sapienza di Dio per organizzare la sua principalità secondo i principi di Dio.

Alla settimana prossima altrove in Europa.

Foto: Wikipedia – Nome d’utente: Dmitry A.Mottl – licenza: https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/legalcode

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com