skip to Main Content
Un Viaggio Europeo #49 – Alaveteli/Nedervetil (Finlandia)

Un Viaggio europeo #49 – Alaveteli/Nedervetil (Finlandia)

Un clima ostile non ha impedito la Finlandia di migliorare le sue condizioni di vita e di diventare una delle democrazie migliori sulla terra. Ma che cos’è che rese questo successo possibile?

Per trovare un indizio, visiteremo un piccolo paesino nella regione d’Ostrobotnia, presso il Mar Baltico, chiamato Nedervetil in svedese o Alaveteli in finnico. La ragione del suo nome bilingue è che questa è una regione che contiene una delle concentrazioni più alte di Finlandesi di lingua svedese.

Alaveteli è circondata da campi pianeggianti e attraversata da un fiume chiamato Perhonjoki. Dal centro del paesino, seguiremo una strada lungo il fiume verso sud. Mezzo chilometro più avanti, scopriamo una chiesa di legno (vedere foto) costruita nel 1753. E se continuiamo ancora per oltre un chilometro e attraversiamo il ponte sopra il fiume, troviamo una casa di campagna sul lato sinistro della strada.

Nel giardino circondando la casa è eretta una pietra commemorativa con una frase svedese dicendo: “Qui era il presbitero nel quale il primo prete di Nedervetil, Anders Chydenius, visse tra il 1753 ed il 1770”.

Quest’uomo, Anders Chydenius, fu uno degli uomini di chiesa e politici più influenti di Finlandia nel settecento. Acquistò questo campo, che descriveva come ‘un terreno arido e pietroso sulle rive di una cascata’, per costruirvi il presbitero dove potrebbe vivere da prete locale.

Ma chi era Anders Chydenius e quale fu la sua influenza sulla storia finlandese?

Anders Chydenius nacque nel paesino di Sotkamo, in Finlandia orientale, dove suo padre fu ugualmente prete. E sin dalla sua piccola infanzia, Anders visse in molte parti del paese: prima a Kuusamo, in Lapponia, dove suo padre diventò rettore della parrocchia; poi ad Oulu, sulla costiera baltica, dove frequentò la scuola di grammatica; poi a Tornio, in cima al Golfo di Botnia vicino al confine con la Svezia, dove ricevette un’educazione privata; e poi a Turku, nel sudovest della Finlandia e Uppsala, in Svezia, due città dove fu studente universitario.

Dopo la sua laurea nel 1753, Anders Chydenius fu nominato prete della parrocchia d’Alaveteli dove siamo oggi. Sebbene viveva in un periodo in cui le dottrine di base della Riforma iniziarono ad essere neglette attraverso l’influenza dell’illuminismo, Anders Chydenius fu fortemente influenzato dal pietismo, un movimento teologico luterano che enfatizzava la pietà personale.

Il pietismo fu fondamentale nella lotta di Chydenius per la libertà individuale in Finlandia. Ma per ottenere questa libertà, sapeva che le condizioni di vita del suo popolo dovevano migliorare. Ed è quello che iniziò qui nel suo presbitero.

Chydenius usò delle nuove tecniche agricole adatte ad un terreno difficile. Qui coltivò della verdura e un giardino. Costruì una diga per usare l’acqua del fiume per irrigare il terreno. Prosciugò la palude vicina e la trasformò in campo coltivabile. Allevava anche delle pecore, degli arieti, delle capre e dei cavalli, e scoprì dei metodi per curarsi di loro in questo clima difficile. La sua cura speciale per le pecore gli permise di produrre una delle lane migliori dell’intero regno di Svezia. E per la produzione del cibo e di bevanda, Chydenius costruì una sala da cottura ed una birreria.

Chydenius aveva un interesse speciale per la sanità, in particolare per quella dei bambini. Studiò dei testi di un altro pietista svedese, Nils Rosén von Rosenstein, il padre della pediatria moderna. Questo gli permise di sviluppare le suea capacità di fisicista per poter curare i suoi parrocchiani. Li vaccinò contro il vaiolo, una malattia che uccideva tanto all’epoca. Fece anche della chirurgia per gli occhi e costruì un laboratorio dove sviluppò dei nuovi rimedi.

Anders Chydenius influenzò anche la politica della Svezia, che controllava ancora la Finlandia. All’epoca, il regno stava transitando da un regime autocratico al sistema del Riksdag, precursore del sistema parlamentare moderno. Anders Chydenius servì più volte al Riksdag a Stoccolma e diventò il rappresentante della Finlandia più influente.

Il suo ruolo politico gli permise di difendere tante idee nuove per l’epoca, e che avranno più tardi un impatto mondiale. Consentitemi di menzionarne tre:

In primo luogo, Chydenius sosteneva il libero scambio e scrisse un opuscolo sviluppando le stesse idee scritte dieci anni dopo da Adam Smith nel suo libro La ricchezza delle nazioni. Chydenius ottenne i diritti di navigazione per le città di Kokkola, Vaasa, Pori (Björneborg) ed Oulu (Uleåborg). Questo fu fondamentale per lo sviluppo del libero scambio e migliorò fortemente l’economia, sia nella regione d’Ostrobotnia sia nell’intera Finlandia.

In secondo luogo, Chydenius fu uno dei primi difensori della libertà di stampa. Scrisse: “Una certa libertà di scrivere e di stampare è uno dei baluardi più forti per l’organizzazione libera dello stato”. Tuttora, la Finlandia è considerata come una delle migliori nazioni al mondo per quanto riguarda la libertà di stampa.

Finalmente, Chydenius sosteneva i diritti universali ed incoraggiava l’abolizione dei privilegi. Fu uno dei rari politici della sua epoca a credere nella necessità di offrire uguali opportunità sia ai ricchi sia ai poveri. Quest’idea d’uguaglianza diventò fondamentale per lo sviluppo della nazione finlandese.

Nel 1770, Anders Chydenius diventò rettore della parrocchia di Kokkola, dove visse fino alla morte nel 1803. Al contrario dei filosofi dell’illuminismo, Chydenius non rinnegava il Cristianesimo e la Bibbia, ma invece ne traeva la sua ispirazione.

Alla settimana prossima altrove in Europa.

Cédric Placentino

Responsabile Centro Schuman per l’Europa italiana e francese

Segui un viaggio europeo qui.

Foto: Wikipedia – nome d’utente: Santeri Viinamäki – legame per la licenza: https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0/legalcode

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top