skip to Main Content
Un Viaggio Europeo #91 – Yerevan (Armenia)

Un Viaggio europeo #91 – Yerevan (Armenia)

Post Series: Armenia
  • 1.Un Viaggio europeo #91 – Yerevan (Armenia)

Con Israele, l’Armenia condivide probabilmente il triste primato di essere fra le nazioni più perseguitate nel corso dei secoli. Eppure, nonostante tutto, l’Armenia è riuscita a mantenere viva la sua storia e la sua identità. Tuttavia, ciò non è successo semplicemente per caso o unicamente tramite sforzi umani.

Per scoprire la fonte principale della preservazione della storia e dell’identità armena, visiteremo la sua capitale, Yerevan.

Yerevan si trova a 60 km a nord dal monte Ararat, dove l’arca di Noè finì il suo viaggio dopo il Diluvio. La città fu fondata nell’ottavo secolo a.C. e, come possiamo immaginarlo, ci sono tante cose da visitare qui. Tuttavia, il luogo che visiteremo oggi è un parco in un sobborgo a sette chilometri dal centro storico. Il parco porta il nome di Fridtjof Nansen, un norvegese che ha soccorso tanti armeni nell’atroce genocidio armeno organizzato dal governo turco nella prima guerra mondiale.

Al centro del parco vi è una statua di bronzo di un uomo tendendo il suo arco, pronto a tirare una freccia. Quest’uomo è chiamato Hayk il Grande ed è il fondatore della nazione armena oltre quattromila anni fa. Che questa storia sia vera o meno, assai notevolmente, i resoconti della sua vita sono sopravvissuti fino ad oggi. Ecco ciò che ci dicono:

Hayk era il pronipote di Jafet, egli stesso figlio di Noè. Viveva a Babilonia (vicino alla Bagdad odierna, in Iraq) quando la torre di Babele era in costruzione. Dopo che Dio pose improvvisamente fine al progetto confondendo la lingua del popolo, Hayk lasciò Babilonia e si stabilì nelle montagne d’Armenia con i suoi discendenti, formando quindi una prima comunità di trecento persone.

Bel, il dirigente tirannico di Babilonia, probabilmente Nimrod nella Bibbia, comandò ad Hayk di tornare nella città e di arrendersi. Il dirigente armeno rifiutò e, di conseguenza, Bel andò incontro a lui con un esercito numeroso. Hayk invece aveva una piccola truppa, ma tuttavia, marciarono incontro l’esercito babilonese e lo combatterono presso il Lago Van, una regione che è oggi sotto dominio turco. Contro ogni probabilità, Hayk e la sua piccola truppa sconfissero il potente esercito babilonese.

Bel e i reduci dell’esercito babilonese cercarono di fuggire. Hayk invece non cedette. Egli perseguì il dirigente babilonese fino a quando lo catturò e lo uccise. Imbalsamò il suo corpo e lo seppellì su una collina armena affinché ogni generazione successiva possa preservare la memoria della vittoria di Hayk. Naturalmente, Hayk diventò un eroe per la nazione e la statua di questo parco è una prova che è tuttora commemorato in quanto tale oggigiorno.

Anche se è impossibile verificare la veracità di questi resoconti, l’Armenia è tuttavia una nazione che è riuscita a preservare la sua storia sin dai tempi antichi. Come questo fu possibile? La spiegazione principale che possiamo provvedere è semplicemente attraverso l’impatto precoce che la Bibbia ha avuto in questa nazione.

Dopo il diluvio, Dio iniziò una nuova umanità nella regione vicina del monte Ararat attraverso Noè e i suoi figli. Questo potrebbe significare che l’Armenia sarebbe la nazione più antica al mondo. Tuttavia, la fede cristiana iniziò a diffondersi nel territorio poco dopo la morte e risurrezione del Signore Gesù Cristo. Meno di tre secoli dopo, l’Armenia diventò il primo regno ad adottare il cristianesimo come unica fede ufficiale, nel 301.

Siccome l’Armenia era un regno ufficialmente cristiano, la corte riconosceva l’importanza dell’insegnamento della Parola di Dio per tutta la nazione. E quindi, qualche decennio dopo l’adozione ufficiale del cristianesimo in Armenia, un monaco chiamato Mesrop Mashtots creò un alfabeto scritto e tradusse poi la Bibbia in lingua armena.

La creazione dell’alfabeto armeno e la traduzione della Bibbia scattarono lo sviluppo di vari domini di conoscenza che si rivelarono cruciali per la sopravvivenza della nazione armena. Ad esempio, Koriun, un discepolo di Mashtots, scrisse la biografia del suo maestro La vita di Mashtots, e diventò quindi il primo autore a scrivere in armeno. Movses Khorenatsi era un altro discepolo di Mashtots che scrisse il primo libro di storia armena, semplicemente chiamato Storia d’Armenia. Oggi, Khorenatsi è considerato come il padre della storia armena.

Gli eventi che ho menzionato qui sopra furono vitali per il futuro dell’Armenia. La conoscenza della Parola di Dio generò la creazione dell’alfabeto armeno, lo sviluppo della letteratura armena cosiccome della sua storia scritta. Ognuno di questi domini diventò cruciale per la sopravvivenza della nazione.

Qualche secolo più tardi, il regno d’Armenia perse la sua indipendenza e fu incorporato successivamente nell’impero iraniano, l’impero ottomano, l’impero russo e finalmente l’Unione sovietica. Tuttavia, ne i secoli di dominio islamico, ne la religione comunista atea del novecento hanno potuto sradicare la fede cristiana dall’Armenia.

La preservazione dell’identità e della storia armena non è accaduta per caso. Fu il frutto dell’influenza fantastica che il Vangelo ha avuto nel popolo armeno.

Alla settimana prossima altrove in Europa.

Cédric Placentino

Seguite Un Viaggio europeo qui

Foto: Fonte: Wikipedia – Utente: Armineaghayan – Licenza: https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/legalcode

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top