skip to Main Content
Un Viaggio Europeo #2 – Ginevra (Svizzera)

Un viaggio europeo #2 – Ginevra (Svizzera)

Punto di riferimento

Abbiamo iniziato il nostro viaggio europeo la settimana scorsa in provincia di Roma, in Italia. Oggi viaggiamo per quasi 1000 km verso nord. Attraversiamo le Alpi ed il confine per l’estremità occidentale del Lago Lemano, cioè Ginevra (Svizzera).

Ginevra è una destinazione ovvia per capire cosa Dio ha fatto in Europa negli ultimi due mila anni. Possiamo parlare della Riforma (Calvino, Farel o di Beza), della Croce Rossa (Dunant) o di tanti altri fatti. 

Per questa prima fermata a Ginevra, non parlerò di tutto questo. Non parlerò neanche della Ginevra cattolica ma della Ginevra precristiana. E per questo, andiamo a passeggiare nel Jardin anglais (Giardino inglese) dove si trova l’Horloge Fleurie (Orologio floreale). Situato sul lungolago, possiamo vedere le barche ormeggiate nel porto, ed il simbolo della città, il Jet d’eau (Getto d’acqua). Per il nostro proposito, rifletteremo su due scogli visibili da qui, le Pierres du Niton (Pietre del Niton).

Questi scogli servono come punto di riferimento per la rete altimetrica nazionale svizzera (Ogni quota nel paese viene misurata in base a questo punto). Si ritiene inoltre che dei sacrifici pagani erano offerti qui nel periodo romano precristiano (prima del 2° secolo DC). Vari accenni sembrano confermarlo: prima il nome Niton deriva probabilmente dal dio pagano delle acque e delle correnti, Nettuno. Il secondo è che dei pescatori del Seicento hanno scoperto ai piedi dello scoglio due piccole asce ed un coltello di rame, usati per uccidere gli animali del sacrificio.

Possiamo quindi vedere in queste Pierres du Niton altri due punti di riferimenti. Il primo è storico. Se vogliamo capire ciò che Dio ha fatto in Europa mediante il Vangelo nel corso degli ultimi due mila anni, dobbiamo cercare di capire com’era l’Europa prima del suo arrivo. Cosiccome in tutta l’Europa, Ginevra adorava i dei pagani. Questi erano spesso elementi della natura. Perché adoravano queste cose?

Non esiste una risposta semplice. Comunque possiamo notare un elemento. Gli Europei precristiani erano più direttamente dipendenti dalla natura rispetto a noi. Le stragi naturali erano più velocemente fatali rispetto ad oggi. siccome temevano i dei nella natura, cercavano di acquietarli attraverso i sacrifici animali – ed anche a volte umani.

In soli pochi secoli, il Cristianesimo ha quasi completamente estirpato il paganesimo dall’Europa. Com’è stato possibile? Una risposta moderna è stata spesso ‘per coercizione’. Anche se non possiamo rinnegare questo fatto in certi casi, per la maggior parte era stata un attrazione autentica verso il messaggio del Vangelo. 

Nella Bibbia, leggiamo che il Dio del Cristianesimo condannava i sacrifici umani. Diceva esplicitamente che non gli era mai venuto in mente (Geremia 32:35). Il Vangelo presenta un Dio che è amore. Spiega che l’umanità è scollegata da Lui per colpa del peccato. I dei pagani erano adirati senza che si sapesse il perché. Il Dio della Bibbia è adirato per un motivo chiaro: l’empietà dell’umanità (Romani 1:18). Ciò nonostante il Vangelo offre un modo di fuggire la sua ira. E qui è la meravigliosa differenza: questo Dio non richiede sacrifici – Egli ha sacrificato il suo Figlio per riscattare l’umanità una volta per tutte!

Il Vangelo diceva pure agli Europei che Dio aveva creato tutto, natura compresa. Diceva inoltre che aveva creato l’umanità per avere il dominio, cioè per prendere cura della natura. Fintanto ché adoravano la natura, gli umani non potevano avere il controllo su di essa. Quando hanno trasferito la loro adorazione dalla natura verso il Creatore, sono stati liberati. Ciò ha aperto la via per lo sviluppo futuro di tutte le sfere della vita in Europa. Prendiamo due esempi: il primo è che l’Europa è passata lentamente dalla dittatura (Roma) verso ciò che chiamiamo oggi la democrazia. Il secondo è lo sviluppo della scienza moderna che sorge da una comprensione cristiana dell’universo.

E quindi arriviamo al terzo punto di riferimento rappresentato da questi scogli: il punto di riferimento spirituale. Nel passato, dei sacrifici pagani erano offerti qui. Oggi non è più il caso. Adesso Ginevra contiene due testimonianze visuali dei due esempi che ho appena citato: la sede delle Nazioni Unite (esempio dello sviluppo della democrazia) e l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare, o il CERN (esempio dello sviluppo della scienza). Senza il cambiamento spirituale portato dal Cristianesimo, questi sviluppi non avrebbero mai avuto luogo.

Ci vediamo la settimana prossima altrove in Europa!

Cédric Placentino

Responsabile Centro Schuman per l’Europa italiana e francese

Segui un viaggio europeo qui.

Mappa: https://d-maps.com/index.php?lang=it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top